/image/67/3/peugeot_308gti_2015_146_fr-1920x1080.446673.jpg

WLTP

Worldwide Harmonized Vehicle Test Procedure

Il protocollo WLTP (Worldwide Harmonized Vehicle Vehicle Test Procedure) è utilizzato per l’approvazione del tipo di veicoli nell'ambito del sistema di omologazione dell'Unione Europea. Specifica un nuovo ciclo di test e una nuova procedura per misurare il consumo di carburante e le emissioni di CO² e di inquinanti dei veicoli leggeri  i in condizioni standardizzate (di laboratorio).

Il protocollo WLTP sostituirà la precedente procedura di certificazione (NEDC), in vigore dal 1992. Da settembre 2017, tutti i nuovi modelli di vetture commercializzati per la prima volta vengono omologati in base a WLTP. A partire dal mese di settembre 2018, tutte le vetture vendute dovranno essere omologate WLTP. Questo nuovo protocollo di test di laboratorio verrà completato dalla misurazione delle emissioni di inquinanti nell’utilizzo reale: Real Driving Emission (RDE).

Il nuovo protocollo WLTP offrirà ai consumatori una visione più precisa del consumo di carburante e delle emissioni di CO² dei loro veicoli.

PEUGEOT E IL NUOVO PROTOCOLLO WLTP

/image/67/4/peugeot-essence-2018-003-fr.446674.jpg

Per quanto riguarda le emissioni inquinanti, i veicoli Peugeot dotati di motore Euro 6.2i sono tecnicamente già conformi ai livelli di emissioni inquinanti che saranno richiesti a partire da settembre 2020.

Grazie a scelte tecnologiche oculate che anticipano le normative (SCR i per il gasolio e GPF i per la benzina), i veicoli Peugeot sono già omologati in base al protocollo WLTP (obbligatorio per tutte le autovetture dal settembre 2018), che riflette maggiormente l'effettivo utilizzo da parte dei clienti.

Il gruppo PSA ha infatti sostenuto pubblicamente l'introduzione di questa nuova procedura dall'inizio del 2015. Inoltre, per informare al meglio i propri clienti, il Gruppo PSA ha avviato un'operazione di trasparenza che prevede la pubblicazione, sul sito internet dei propri marchi, dei consumi dei diversi modelli dal 2016 e delle loro emissioni di NOx i dal marzo 2018 in condizioni reali di utilizzo, in base a un protocollo sviluppato con le ONG (T&E e FNE) e certificato da una terza parte indipendente (Bureau Veritas).

COSA CAMBIA CON WLTP?

Modifiche alle procedure di test standardizzate

Misurazione delle emissioni allo scopo di ottenere informazioni più realistiche Aumento della distanza percorsa durante i cicli Test eseguiti a velocità più elevate Comportamento di guida più nervoso e realistico Aumento della durata dei cicli

DA NEDC A WLTP

Uno degli obiettivi della nuova procedura WLTP è quello di garantire una migliore rappresentazione delle effettive condizioni di utilizzo dei veicoli e delle tecnologie di cui sono dotati al momento dell'omologazione. Essa definisce condizioni di test più severe e un profilo di guida più dinamico rispetto al precedente ciclo NEDC, messo a punto negli anni '90.  È stato costruito basandosi su dati reali di guida, mentre NEDC si basava su profili di guida teorici.

Il WLTP produce anche valori più precisi, poiché tiene conto delle specifiche di ciascun veicolo, compresi tutti gli accessori opzionali di cui è dotato e la cui influenza sul consumo di carburante e sulle emissioni di CO² può essere significativa. Sulla stessa auto, i valori WLTP sono, in alcuni casi, superiori ai valori NEDC. Ciò non significa che le prestazioni in termini di consumo di carburante siano peggiorate, ma solo che si tratta di una nuova misura basata su un ciclo prova di riferimento più rigoroso e più lungo, che riflette meglio l'uso effettivo dei veicoli.

DIFFERENZE PRINCIPALI TRA NEDC e WLTP

NEDC VS. WLTP

NEDC WLTP
Ciclo di test Ciclo di test unico Ciclo dinamico più rappresentativo delle reali condizioni di guida
Durata del ciclo 20 minuti 30 minuti
Distanza del ciclo 11  chilometri 23,25 chilometri
Fasi di guida 2 fasi, 66 % di guida urbana e 34 % di guida extra-urbana 4 fasi più dinamiche, 52 % di guida urbana e 48 % di guida extra-urbana
Velocità media  34 km/h 46,5 km/h
Velocità massima 120 km/h 131 km/h
Influenza delle opzioni individuali NEDC non tiene conto dell'impatto sulle emissioni di CO² e sul rendimento energetico. Vengono prese in considerazione ulteriori caratteristiche (possono variare a seconda dei modelli)
Cambi di velocità Cambi di velocità fissi Punti di cambio marcia calcolati per ciascun veicolo
Temperature di test Misure rilevate tra 20 e 30 °C Test eseguiti a 23 °C, CO² corretto a 14 °C

EMISSIONI IN CONDIZIONI DI GUIDA REALE

REAL DRIVING EMISSIONS - RDE

A partire da settembre 2018, oltre al protocollo di omologazione WLTP, tutti i costruttori dovranno misurare le emissioni dei loro modelli in condizioni di guida reali (RDE) per tutti i veicoli venduti nell'UE e in Svizzera, Turchia, Norvegia, Liechtenstein, Israele e Irlanda.

Durante i test RDE, le emissioni di inquinanti quali gli ossidi di azoto (NOx) e le particelle fini vengono misurate su strade aperte per ottenere informazioni più realistiche.

FAQ

  • Cosa significa WLTP?
  • Cos'è un ciclo di guida WLTP?
  • Cosa significa per me WLTP?
  • Cosa significa RDE?
  • Cosa significa EURO 6?
  • Che cos'è la riduzione catalitica selettiva?

  • Che cos'è una procedura di approvazione?
  • Perché modificare la procedura di approvazione?
  • Il mio consumo di carburante aumenterà?
  • Quali sono le scadenze dell’applicazione del proto

WLTP sta per Worldwide Harmonized Light Vehicles Test Procedure (Procedura di prova per autovetture e veicoli leggeri armonizzata a livello mondiale).

Si tratta di una nuova procedura di test che fornisce un'analisi più realistica del consumo di carburante e delle emissioni di CO² di un veicolo. A partire da settembre 2018, tutte le autovetture immatricolate per la prima volta devono essere certificati WLTP. Il protocollo WLTP sostituirà gradualmente la vecchia procedura NEDC (New European Driving Cycle).

Il consumo di carburante e le emissioni di un veicolo dipendono sempre dallo stile di guida di ogni persona, per questo motivo per mettere a punto lo standard WLTP è stata compilata una grande quantità di dati raccolti in tutto il mondo. Questi dati sono stati utilizzati per definire quattro fasi rappresentative con quattro velocità medie: bassa, media, alta e molto alta.

Durante ognuna di queste fasi, vengono misurate situazioni diverse (frenata, accelerazione, arresto) in vari modi per riflettere le situazioni di guida di tutti i giorni. La combinazione di queste fasi dà luogo al cosiddetto “ciclo di guida”.

Il consumo di carburante viene presentato in quattro diverse situazioni di guida, con un valore complessivo combinato per veicoli a benzina, diesel, ibridi e ibridi plug-in.

L'entrata in vigore del protocollo WLTP significa che il consumo di carburante e le emissioni di CO² indicati nella descrizione del veicolo riflettono con maggiore precisione i valori emessi nelle reali condizioni di guida.

La procedura WLTP, che tiene conto delle singole opzioni (ad es. pneumatici invernali o tetto di vetro), consente di ottenere valori più realistici in base all'esatta configurazione del veicolo.

Valori più realistici significano naturalmente che i veicoli con motori a combustione riporteranno un consumo di carburante e valori di emissione più elevati, mentre i veicoli elettrici (compresi gli ibridi ricaricabili) riporteranno un'autonomia ridotta.

RDE è l'acronimo di “Real Driving Emissions”(Emissioni reali di guida). Si tratta di una nuova procedura per la misurazione delle emissioni di inquinanti quali gli ossidi di azoto (NOx) e le particelle fini.

Come suggerisce il nome, i valori RDE sono misurati su strade aperte in condizioni di guida reali, non in laboratorio. Le misure sono ottenute per mezzo di un dispositivo intelligente chiamato PEMS (Portable Emissions Measurement System - sistema portatile di misura delle emissioni) fissato sul retro del veicolo durante la prova.

Euro 6 è la norma attualmente in vigore che fissa i limiti delle emissioni. Definisce i valori massimi per le emissioni di particolato fine e di ossidi di azoto al di sotto della precedente norma Euro 5.

A partire da settembre 2018*, la norma Euro 6 entrerà in una seconda fase: la norma Euro 6.2. Per i veicoli con motore a benzina essa prevede limiti ancora inferiori a quelli della fase precedente per le emissioni di particelle sottili.

*Si applica ai veicoli nuovi. I veicoli di nuovo tipo saranno soggetti alle nuove norme sulle emissioni con un anno di anticipo.

Per ridurre ulteriormente i valori delle emissioni inquinanti di un veicolo, ai sistemi di scarico dei veicoli diesel viene aggiunta ammoniaca liquida, denominata AdBlue®. La riduzione catalitica selettiva (Selective Catalytic Reduction - SCR) con AdBlue® riduce gli ossidi di azoto fino al 90%. Rimangono quindi principalmente vapore acqueo, azoto e CO². 

L’insieme dei parametri standard, compreso il ciclo di prova, che consentono l'omologazione dei veicoli.
Inoltre, un'unica procedura di omologazione consente di confrontare il consumo di carburante e le emissioni di CO² dei diversi veicoli.
Il NEDC (New European Driving Cycle) è in vigore dal 1992 e sarà sostituito dal WLTP a partire dal settembre 2018.

La vecchia procedura NEDC è stata ritenuta non rappresentativa dell'effettivo utilizzo da parte dei nostri clienti.
Il consumo riportato, misurato con WLTP, sarà più vicino al consumo riscontrato dai nostri clienti.

Questi nuovi valori WLTP non avranno alcun impatto sul consumo di carburante della vostra auto. La procedura di test WLTP si tradurrà in un valore più elevato di CO²/g/km per lo stesso veicolo rispetto a NEDC, semplicemente perché si tratta di un test più rigoroso e più lungo, il che significa che il WLTP riflette meglio la situazione reale. In altre parole, l'aumento del valore di CO² non significa un aumento del consumo di carburante, ma piuttosto un valore di CO² più realistico dato dalle diverse modalità di test dei veicoli.

Pubblicazione del valore WLTP per i clienti a partire da:

  • 1 gennaio 2019 per le autovetture
  • 1 gennaio 2020 per i veicoli commerciali.